Export success: Introduzione

Export success_輸出成功

In NAGAEN l’attività quotidiana con clienti e acquirenti ci insegna ogni giorno quanto sia importante dedicare tempo all’analisi e alla preparazione di ogni progetto.

Nei settori in cui operiamo (healthcare, beauty, macchinari, design e lifestyle) e nello scope geografico Italia – Giappone (dall’Italia verso il Giappone, dal Giappone verso l’Italia) attualmente consideriamo fino a 18 (diciotto) fattori principali che possono fare la differenza in ogni nuovo potenziale progetto.

Ma iniziamo dal principio. Quando un lead contatta un membro del team NAGAEN la nostra priorità è sempre ascoltare per capire le necessità.

L’ascolto e la raccolta di informazioni ci permette di compiere una prima verifica interna e quindi di operare una selezione (screening).

Le richieste che superano questa fase sono candidate a diventare progetti passando per un accordo su obiettivi, metodologia e modello di business e la condivisione del nostro codice etico che regola le relazioni con gli stakeholder.

Ma quali sono i fattori che incidono di più sulla fattibilità di un progetto?

Consideriamo tre grandi gruppi di fattori relativi a:

Azienda (tot. 4)

– Responsabilità sociale d’impresa: ETICA (Social responsibility: ETHICS)

– Mercato domestico/ estero: RILEVANZA (Domestic/ major market: RELEVANCE)

– Impegno: PERSEVERANZA (Commitment: PERSEVERANCE)

– Servizio senza soluzione di continuità: VISIONE (Seamless service: VISION)

Prodotto (tot. 6)

– Marchio: REPUTAZIONE (Brand: REPUTATION)

– Design: ESTETICA (Design: AESTHETICS)

– Rispetto ambientale: SOSTENIBILE (Eco-friendly: SUSTAINABLE)

– Benefici: SUPERIORE (Merits: SUPERIOR)

– Politica dei prezzi: RAGGIUNGIBILI (Pricing: ATTAINABLE)

– Qualità: FEDELTÀ (Quality: LOYALTY)

Fattori esterni (tot. 8)

– Catastrofi ed emergenze (Catastrophes and emergencies)

– Mercato valutario (Currency exchange market)

– Tendenze generali del settore (Industry’s general trends)

– Usi e costumi locali (Local habits and customs)

– Logistica, energia, costi delle materie prime (Logistics, energy, raw materials costs)

– Barriere normative e tariffarie (Regulatory and tariffs barriers)

– Situazione economica (economic situation)

– Stereotipi culturali e pregiudizi (Cultural stereotypes and prejudices)

I fattori esterni

Non tratteremo ora i fattori esterni, su cui un’azienda esportatrice può generalmente adattarsi, operare previsioni o razionalizzazioni, mitigare avversità o beneficiare di vantaggi da nuovi equilibri, senza essere in grado di influenzare in modo significativo il corso dei fattori (e spesso neppure prevederli in modo accurato).

Fattori aziendali e di prodotto

Desideriamo invece focalizzarci e fornire utili suggerimenti sui fattori aziendali e di prodotto dove la singola azienda e la sua offerta prodotto sono determinanti per ottenere soddisfazioni e creare obiettivi sempre più ambiziosi in un progetto di market entry Italia – Giappone.

Le PMI

Per le PMI (sia in Italia sia in Giappone) i driver di vendita non sono né i prezzi bassi, né i grandi volumi di scala delle commodity, né tantomeno il confinamento sul proprio mercato domestico che viene aggredito dall’esterno.

Spesso, a differenza di molti pregiudizi, neppure più la qualità è un vero driver considerato che anche questo fattore sta diventando alla portata di nuovi player emergenti e ambiziosi che alla crescita della qualità (e cospicui investimenti in R&D) possono aggiungere anche volumi e prezzi audaci.

Come differenziarsi

Occorre differenziarsi su valori come etica, SDGs, storia, unicità, innovazione, sicurezza e proiettare un’immagine trasparente, semplice e coerente all’end user, avendo ben chiaro chi è l’end user a cui ci rivolgiamo.

Confidiamo che le informazioni aiutino i migliori decision maker delle eccellenze aziendali in Italia e Giappone ad orientarsi e avere sempre più coraggio e passione condividendo assieme con alcuni da pregiati clienti la stessa missione aziendale di NAGAEN: il successo nello sviluppo commerciale Italia – Giappone.

Competitor locali – Established world – Emerging world

Vi ricordiamo che nella maggior parte dei casi la lotta è non solo con affermati competitor locali giapponesi (se esportate in Giappone), o italiani (se esportate in Italia), ma sempre più con il meglio dell’established world (fra cui ad esempio Germania, Corea, Svizzera, Francia, Taiwan, USA) e dell’emerging world (fra cui ad esempio India, Vietnam, Turchia, Cina, Malesia, Brasile). I player variano a seconda della nicchia.

– Una cucina Electrolux (UE) è ‘migliore’ di una Beko turca?

– Un dispositivo lifescience Thermofisher (US) è sempre ‘la scelta migliore’?

– ”Made in Italy” è sufficiente (posto che lo sia davvero)?

– Perché i giapponesi fanno più fatica con idee meno innovative rispetto al passato?

– Come evitare di tenere il successo a debita distanza per mancanza di attenzione?

Analizzeremo a fondo nelle prossime 10 puntate come costruire più “edge” per valorizzare al massimo ogni punto di forza dei fattori che compongono l’export success aziendale Italia – Giappone. Seguiteci!

Export success: i fattori aziendali 

Responsabilità sociale d’impresa: ETICA (1 di 4)

Export success (ETICA)_輸出成功(倫理)

Rispetto delle regole e best practice di settore impongono di non cercare cattivi comprom

essi su compliance, qualità, diritti e sono la più solida base per costruire credibilità, successo ed emulazione.

Il driver sono i fatti concreti mentre il marketing è una cronaca semplice e veritiera.

Perché l’etica è un vantaggio competitivo che si ripaga nel tempo?

Vantaggi nelle gare

Sempre più spesso certificazioni etiche riconosciute internazionalmente conferiscono vantaggi nelle gare di appalto pubbliche e private. Anche le certificazioni sono un grande business non sempre etico. A voi la scelta di ciò che più risponde al vostro concetto di etica.

Più sei trasparente e più vendi

Importatori e distributori qualificati e con market grip si focalizzano sulle aziende trasparenti ed etiche. Perché? perché questo accresce anche la propria reputazione generando una catena di valore virtuosa e duratura.

Consumatori e rivenditori

Se il consumatore finale empatizza e promuove spontaneamente aziende e prodotti vicini ai propri valori, nel mondo B2B, la selezione di fornitori e business parter filtra ciò che potrebbe esporre a rischi reputazionali e di immagine.

Creare degli edge attraverso l’etica

La responsabilità sociale d’impresa (etica) è un fattore chiave per vincere competitor locali meno sensibili o in ritardo sul tema e soprattutto la concorrenza che preme dall’emerging world, i paesi di più recente sviluppo.

Discorso a parte è la concorrenza con realtà facenti parte dell’established world, con player spesso multinazionali leader storiche di settore e ben consolidate.

Qui il gioco è ancora più sottile. Se siete una PMI potete usare la dimensione aziendale come punto di forza. Tutti si conoscono in azienda e si può affrontare ai massimi livelli qualsiasi discussione senza essere rimbalzati ad agenzie o incasellati in logiche meramente finanziarie che annullano la dimensione umana.

Marketing genuino e convincente

Se la pubblicità di un prodotto è troppo creativa e non parla del prodotto, questo è perché il prodotto non ha niente di cui poter parlare. Con l’etica invece il marketing viene da sé, dice sempre la verità e costruisce passo passo la strada del successo.

Se siete un’azienda etica siete il nostro miglior cliente e il più facile da proporre per noi.

Mercato domestico/ estero: RILEVANZA (2 di 4)Export success (RILEVANZA)_輸出成功(関連性)

Perché essere significativi sul mercato domestico o in un grande mercato estero fa una grande differenza?

Replicabilità del successo

Un partner locale è più incline a collaborare perché la rilevanza della vostra azienda nel vostro mercato domestico o in un major market estero, fa presupporre che il successo è replicabile anche nel proprio mercato.

Questo fattore da solo non garantisce il successo, ma può conferirvi autorevolezza, pregio e credito, che è il miglior modo di avviare una cooperazione vantaggiosa per tutti. La due diligence sarà protesa a trovare modalità di cooperazione e compromessi ragionevoli.

Hassle free

Si presume che abbiate nel tempo costruito un’organizzazione in grado di rispondere a necessità complesse come volumi, controllo qualità, gusti, regulatory, scalabilità, o più semplicemente che sappiate esportare e abbiate padronanza del vostro segmento di business. Siete cioè un’ azienda appetibile e “hassle free”.

Motivazione

Se siete già apprezzati dove conta esserlo è molto agevole sviluppare awareness attorno al vostro nome con motivazione e vivendovi come un’opportunità win-win.

Distribuire realmente

Quanti partner locali sono oggi realmente disposti a investire e impegnarsi massivamente in promozione anche a fronte di accordi di esclusiva sul territorio?

Essere insieme a decine di competitor su un pdf scaricabile online, su una piattaforma che nessuno guarderà mai, o elencare una rete vendita “worldwide” è relativamente facile. Ma quanto ottenete realmente dai vostri partner locali? E soprattutto chi controlla che succede laggiù o si occupa di voi?

La nostra missione è vendere realmente, motivati tra partner motivati che vivono come noi, opportunità e volontà quotidiana.

Impegno: PERSEVERANZA (3 di 4)

Export success (PERSEVERANZA)_輸出成功(粘り強さ)

Perché perseveranza è sinonimo di successo e questo si ottiene solo con impegno costante?

Il test dei 24 mesi

Fate questo test: verificate a 24 mesi dalla notizia quanti accordi, partnership, piani di apertura di negozi e sviluppo contract sono sopravvissuti alla prova del tempo. La conquista di canali distributivi e partner sono solo l’inizio del viaggio, non il vostro punto di arrivo.

Impegno costante

Esportare significa servire un mercato e servire al mercato. Opportunismo, non volere investire niente, incoerenza, poca attenzione e impazienza tengono il successo a debita distanza anche quando si è baciati dalla fortuna. Essere perseveranti significa faticare senza scorciatoie a tutti i livelli aziendali e dove ogni aspetto del progetto ha chiari responsabili.

Sacrificio

Se serve ed è ragionevole farlo nel rispetto dei diritti degli stakeholder, si deve lavorare anche sabato o domenica, alle 07:00 AM o alle 24:00 per consegnare in tempo, portarsi avanti, tenere fede alla parola data o sorprendere positivamente i partner. Vanno invece evitate tutte le giustificazioni creative del Lunedì mattina.

Miracolo economico

La perseveranza è alla base del miracolo economico di Italia e Giappone che ha permesso a questi due paesi di essere quinta e seconda potenza economica mondiale senza rilevanti risorse minerarie ed energetiche proprie. Senza neppure provarci, oggi quello spirito è troppo spesso ceduto incondizionatamente a paesi emergenti.

Per aspera ad astra

In NAGAEN la nostra missione è lo sviluppo commerciale Italia – Giappone. I nostri più affezionati clienti sono quelli che condividono con noi nella pratica il famoso motto latino “Per aspera ad astra“!

Contattaci

Compila il modulo per richiedere informazioni sui nostri servizi

Interphex Week Tokyo_インターフェックス・ウィーク・東京 partnership Giappone Italia 日本 イタリア NAGAEN
X